Rigging: il metodo "stendino"

• Il sistema "Buen Chacho"

“Come avete passato la linea da una parte all’altra?” è una domanda che ci sentiamo fare spessissimo. Ormai ci sono tantissimi metodi per passare il cordino: tra droni e lavoro sporco ce la si cava quasi sempre. Il vero problema arriva quando le linee sono lunghe (oltre 250/300 metri) e il peso stesso della slackline rende difficoltoso e scomodo il recupero dall’ancoraggio.

Ma c’è una soluzione: ci hanno pensato per primi (o meglio divulgato per primi) i ragazzi di Slackline Canarias. Tutto è nato dalla necessità di montare linee sempre più lunghe, ma con “manodopera” limitata (3/4 persone); hanno quindi escogitato il sistema Buen Chacho, che ho liberamente tradotto in “metodo Stendino”.

Il sistema consiste nel far passare non solo una, ma due tag-line parallele:

  • Tag-Line Stendino: verrà tesa e fissata. Su di essa, attraverso l’utilizzo di semplici delta (lo vedremo nel dettaglio più avanti), scorrerà la slackline (main e backup già opportunamente nastrati) scaricando così gran parte del peso. 
  • Tag-Line Recupero: servirà invece semplicemente per recuperare la slackline.

Image

il sistema in azione su una linea di 280m

• Avvertenze

Attenzione: è importante assicurarsi di passare i due cordini separati, in modo che non si arrotolino l’uno con l’altro durante il passaggio. Questo problema può essere evitato mettendo un piccolo peso alla Tag-Line Recupero in modo da dargli più sag rispetto alla Tag-Line Stendino.

Informazione pratica: la Tag-Line Stendino deve resistere ad un carico relativamente alto. Per darvi un’idea, ho partecipato al montaggio di una linea di 620 metri in cui la Tag-Line Stedino era un cordino di 5mm (450kg mbs) di poliestere.

N.B. il sistema può essere utilizzato anche per smontare (de-riggare) la linea.

 

Image

il metodo di aggancio del delta sui tape

• Come far scorrere la fettuccia sul cordino?

Semplicemente si inserisce, ogni 20 o 30 metri, main e cordino in una maglia rapida a delta (meglio di alluminio per motivi di peso, ma anche l’acciaio va bene), facendo corrispondere il lato piatto del delta alla fettuccia e il vertice al cordino. È importante inserire il delta solo nella main in modo che possa scorrere sulla fettuccia solo fino al primo nastro che incontrerà e poi avanzi insieme a lei, come si vede nell'immagine qui sopra. 

Quando la slackline è completamente passata si può procedere alla sua installazione e tensionamento. Una volta che il peso della fettuccia non incide più sulla tag-line, allora è possibile lascare il cordino e recuperarlo.

Siete quindi pronti a camminare! O forse no?

Se avete seguito bene il ragionamento e vi è tutto chiaro, avrete notato che ci sono ancora i delta sulla main. È necessario quindi toglierli prima di poter camminare liberamente. Scegliete voi se scarrucolarvi o camminare a vista 300m svitando 14 delta (senza sedersi) come fece il buon Kevin Vega un paio di anni fa, consolidando così il record spagnolo di allora. Testimonianza raccolta in un video, che vi condividiamo qui sotto!

Visit and like our fb page!

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti per questo post.

Lascia i tuoi commenti

Stai commentando come ospite. Registrati o effettua il login al tuo account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Categorie Blog
I più letti
Ultimi Commenti
Willy CARTEI posted a comment in Trickline Trip in Santa Monica
Brava ........... tutta lo zio !!!! ...
Grazie per la condivisione Lizz... davvero molto toccante...
Bellissimo evento, complimenti davvero, l'anno prossimo prendero' parte sicuramente!! Ottimo lavoro...

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER RIMANERE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITÀ

Prenota
il tuo evento!